Satira

La teoria del lutto

Scompare il celebre scienziato che comunicava grazie a un computer. No, non Burioni.

È morto Stephen Hawking. Visto cosa succede a spegnere durante un aggiornamento?

(In realtà Hawking non è morto. È andato a fare ricerca sul campo)

Stephen Hawking ha trascorso praticamente tutta la vita seduto e attaccato a un computer. Che invidia.

Hawking era cosmologo, fisico, matematico e astrofisico. Ma va detto che di tempo per pensare ne aveva parecchio.

(Ricorderemo Stephen Hawking in cima alla lista di quelli penalizzati dal doppiaggio)

Il mondo della scienza è in lutto. Che esagerati, in fondo hanno solo preso il 33%.

Al ventunenne Hawking i medici avevano dato due anni di vita ma lui ne ha vissuti 76. È comodo saper stiracchiare lo spaziotempo.

(Io per sicurezza proverei a dare un colpetto al sintetizzatore)

La vita di Stephen Hawking è stata fonte di ispirazione per molti. Io, ad esempio, cerco di fare tutto senza alzarmi.

Anni fa Hawking volle provare il volo in assenza di gravità. Ma cantavano di merda comunque.

Ultimamente Hawking ci aveva messo in guardia più volte dalla pericolosità degli alieni. E non erano ancora diventati il primo partito.

(Secondo alcuni complottisti il genio non era lui, ma la carrozzina)

Il messaggio di Hawking: “Guardate le stelle e non i vostri piedi”. Facile per uno che non rischia di sbattere il mignolo sul comodino.

* * *

Autori: maurizio74, il mago di floz, pol1000, comagirl00, giga, frandiben, xanax, mestmuttèe, foisluca84, maurizio neri, george clone.

Illustrazione: sciscia.