Musica

We Blast Last! A Love Letter to the Fabulous Bands of the Pacific Northwest

 We Blast Last! A Love Letter to the Fabulous Bands of the Pacific Northwest

Mi piace pensare che le quattro persone che ancora leggono questo blog siano il tipo di persone che si lanciano a ballare SELVAGGIAMENTE appena attacca la prima nota della prima canzone qui sotto: un’appassionata e radiosa cover di Your Asterisk, capolavoro degli storici Halo Benders (Calvin Johnson dei Beat Happening + Doug Martsch dei Built to Spill!), realizzata dagli Unlikely Friends, a loro volta una specie di supergruppo che vede al suo interno Dave Krain dei BOAT, Charles Bert dei Math & Physics Club e Chris McFarlane della Jigsaw Records, più un numero variabile di musicisti della scena di Seattle.
La canzone proviene da un album intitolato We Blast Last! A Love Letter to the Fabulous Bands of the Pacific Northwest (extra punti se cogliete la citazione nel titolo!), una raccolta di cover di band della regione che gli Unlikely Friends hanno cominciato a pubblicare da qualche giorno e che si arricchisce ogni settimana di nuove tracce: “We’ve been recording these songs because it seemed like a fun thing to do, but also because these bands mean something to us. They’re the bands we listened to growing up, or the bands that those bands listened to”.
Le canzoni per ora sono in free download, ma ogni offerta andrà in beneficenza per la Tacoma Humane Society, il più grande centro dello Stato per la raccolta e la cura degli animali abbandonati, fondato nel 1888. E poi, il 15 marzo l’album completo di We Blast Last sarà pubblicato in cassetta e cd.
Ogni canzone è accompagnata da alcune note personali: per esempio, per registrare Aces dei Dharma Bums Charles Bert ha potuto suonare la chitarra del suo idolo dell’adolescenza, Jim Speltra. Credo che gesti alla We Blast Last, puro amore per la musica e per quello che ancora può fare nelle nostre vite, siano quello che continua a mandare avanti anche questa trasmissione e queste pagine, e anche se la mia conoscenza dall’area nord-occidentale degli Stati Uniti è molto approssimativa, in qualche modo, ora la sento più vicina: “you can draw a straight line through 60 years of Pacific Northwest garage and punk from 1960 to today”.